• scopri CHI SONO GLI ESPERTI NOMINATI DA TONINELLI PER SVOLGERE L’ANALISI COSTI BENEFICI DELLA TAV (1)

    Da Trenitalia e Rfi rimbalzo di responsabilità sui tagli alla AV TORINO-VENEZIA

    “Con il prossimo orario invernale Trenitalia aumenterà i collegamenti ad alta velocità da Torino per il centro –sud Italia ma ridurrà i convogli diretti a Venezia”: è quanto dichiara il capogruppo del Pd in Commissione Trasporti, Davide Gariglio, sull’audizione dell’Amministratore delegato dell’azienda Orazio Iacono che si è svolta oggi, giovedì 5 dicembre, a Montecitorio.
    “Dall’incontro è emerso che Trenitalia manterrà i collegamenti quotidiani del capoluogo piemontese con Milano, prevedendo anche un treno notturno da Torino alle ore 23, mentre i collegamenti con Roma e Napoli passeranno rispettivamente, dal 7 dicembre, da 34 a 38 e da 17 a 28. Se queste scelte ci lasciano pienamente soddisfatti, dobbiamo però rimarcare che la drastica riduzione dei Frecciarossa da e per Venezia, che passano dalle attuali 18 ad 8, rappresenta una decisione inaccettabile che andrà sicuramente rimodulata”: continua Davide Gariglio.
    “Nel corso dell’audizione è comunque emerso l’impegno di Trenitalia di aumentare i collegamenti con il capoluogo veneto e ci è stato riferito che questi tagli non dipendono dalla bassa redditività della tratta ma dalla volontà di Rfi di concedere ad Italo un maggiore utilizzo dell’infrastruttura ferroviaria Milano – Roma, nonostante lo stesso Italo abbia cancellato i treni nel percorso Torino – Venezia sopprimendo ogni collegamento diretto tra le due città. Alla luce di queste dichiarazioni abbiamo chiesto una nuova audizione con Rfi per capire esattamente chi e per quali reali motivi voglia penalizzare il trasporto ferroviario sull’asse est-ovest del paese”: conclude Davide Gariglio.